Fandom

Lingua Romanica Commun Unificata

Qualcunquenominenovoquetidesiraes

252pages on
this wiki
Add New Page
Talk0 Share

Il fiume scivolava lento accarezzando le rive. 'Le flumine glissava lentamente, caressando las rivas.'

Sulla panchina di legno verniciato sedeva una vecchia signora minuta, dai capelli candidi, ricci e corti, ben curati. L’età non aveva scalfito l’antica bellezza e i lineamenti dolci sulla pelle ancora liscia le donavano un raffinato fascino. Le mani sottili, esili, dalla pelle trasparente che lasciava intravedere le vene, tenevano un libro e più che sostenerlo sembravano esservi abbandonate.

Quando le passai accanto mi rivolse un sorriso di saluto e risposi abbassando il capo, in un discreto, cortese inchino. Sedetti ad una panchina poco distante e rimasi ad ammirare il bosco riflesso sulla fluida superficie del fiume.

Un pettirosso frullò le ali e scese sulle foglie secche che, come un tappeto, ricoprivano il viale in un caleidoscopio di colori gialli, aranciati e rossi, mosse due passi e si fermò con il capo rivolto al cielo.

Ad un tratto, come apparsa dal nulla, iniziò a scendere la neve.

I fiocchi erano leggeri e dopo aver ondeggiato un po’ si adagiavano sui rami degli alberi, vestendoli di bianco, lentamente.

Si posavano anche sull’acqua e, prima di sciogliersi, accompagnavano per un brevissimo tratto il fiume, nella sua lenta discesa verso valle.

Il paesaggio sembrava immobile, come se il tempo si fosse fermato; anche i passeri se ne stavano fermi, come in attesa, sotto quel cielo coperto da spesse nuvole bianche.

Il silenzio ricopriva il bosco e le foglie avevano smesso di cadere. Le nubi si fermarono e sembrò arrestarsi anche la corrente.

Rimasi attonito e stupìto, perché mi sembrava si fosse fermata a mezz’aria anche la neve.

Nel silenzio assoluto e irreale caduto improvvisamente, riuscivo a percepire solo il battito del mio cuore che stava aumentando il suo ritmo, come se mi avesse colto un’ansia, come se qualcosa avesse dovuto accadere.

La piccola donna sorrideva e sembrava perduta, gli occhi socchiusi e le gote rosse, quasi con un candido pudore, come se una carezza le fosse passata sul viso; poi, piegato il capo di lato sembrò guardare il vuoto alla sua sinistra. Dalla mia panchina la potevo scorgere. Le pagine del libro vibrarono e si aprirono, ma non c’era vento in quell’immobilità assoluta. Sembrò rivolgersi a qualcuno e con una voce sottile, argentina sussurrò: lo so che ci sei, amore.

Rimasi senza respiro e, quasi sentendomi estraneo in quel lembo d’universo che mi coglieva spettatore involontario, restai a guardare. Il viso della donna si colorò, roseo e caldo in quell’immobilità bianca e i lineamenti si distesero, il viso ringiovanì, il dorso si erse diritto, le mani tornarono al tenero colore di gioventù.

La ragazza si alzò, lasciò scivolare il libro sulla panchina e si erse in punta di piedi: gli occhi prima socchiusi e stanchi adesso erano due meravigliose perle nocciola raggiate di smeraldo e d’oro, grandi e sorpresi. Le labbra rosse e ben disegnate si aprirono in un radioso sorriso: - finalmente, amore – la sentii sussurrare e potrei giurare che sembrava davvero felice.

Aprì le braccia e le richiuse, abbracciando qualcuno che non potevo scorgere. E iniziò a roteare e, sì, non era sola. L’uomo, un giovane, era apparso, e la cingeva, sollevandola dal tappeto di foglie e li sentii ridere, poi si baciarono.

Lo so, vorreste che vi dicessi che li ho visti volare in alto per svanire verso il cielo.

Ma non fu così. Semplicemente rotearono un po’, sollevandosi, e scomparvero come una bolla di sapone che scoppia, in un turbinio di fiocchi impazziti. Il tempo riprese il suo corso, il fiume mosse le sue acque verso valle, la neve ricominciò a cadere copiosa e i passeri volarono nel bosco.

Rimasi solo ed incredulo. Per un bel po’ mi volli convincere d’aver sognato. Ma sulla panchina c’era il libro che la ragazza aveva lasciato cadere. Non era stata un’illusione. Mi chinai per raccoglierlo, ma improvviso il vento si levò. La bora, violenta, aprì le pagine e le staccò, portandole lontano, come farfalle bianche, che si confusero con la neve.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.